Restare in forma mangiando... Si può!

Principi sui quali si fonda il regime alimentare per tornare e poi mantenere una forma fisica migliore di quella attuale.

In questo nuovo articolo riassumerò i principi sui quali si fonda il regime alimentare che vi ho suggerito, per tornare e poi mantenere una forma fisica migliore di quella attuale.

Questi principi si raggruppano fondamentalmente in tre osservazioni che divengono le tre colonne portanti di questo piano nutrizionale.

1° Alimenti da togliere per 2-3 mesi:

Latte, formaggi, lieviti (pane, pizza, dolci lievitati), lattuga romana, canasta e cappuccina, melanzane, peperoni, patate, zucchero bianco e industriale tipo fruttosio commerciale ottenuto da mais, carne di vitella.

2° Combinazione alimentare dissociata:

Separate nel singolo pasto le grandi categorie alimentari. Per cui se si mangiano cereali (pasta, riso, farro, kamut, mais, avena, sorgo, segale, orzo, miglio e quelli considerati cereali come quinoa, grano saraceno, amaranto ecc.) non associate a questi carne, pesce, uova, molluschi o crostacei ed i legumi (fagioli, lenticchie, ceci piselli, fave, soia, cicerchie ecc.) neppure sotto forma di condimento.

Quindi no a pasta o riso o cereali con sughi a base di macinati di carne o pesce oppure con uova.

No a cereali e legumi nello stesso pasto tipo pasta e fagioli, pasta e ceci.

No a pasta con le vongole, con cozze. No a risotti ai frutti di mare o allo scoglio.

Allo stesso modo se si mangia carne non possiamo abbinare nello stesso pasto pesce o uova o legumi o alimenti a base di cereali o farinacei come crackers, grissini, gallette, sfogliatine o altro.

3° Tendere all'equilibrio acido-basico

Ad ogni porzione dell'alimento a tendenza acida, cereali, farinacei, carne, pesce, uova e legumi, abbinare pari o superiore quantità di verdure e/o ortaggi.

Quindi si a pasta e zucchine, pasta o risotti con broccoletti, o asparagi, radicchio, verze, carciofi, ecc.

Oppure carni accompagnate da abbondanti porzioni di insalate, volendo anche miste, o ancora pesce o legumi con altrettanto abbondanti porzioni di verdure cotte a piacere.

La frutta deve essere consumata rigorosamente lontano dai pasti, come spuntino di metà mattina e metà pomeriggio.

In questo regime alimentare, ai fini della perdita di peso non ci sono limiti sulla quantità delle singole porzioni.

Si perde peso pur mangiando.

Il pranzo sarebbe meglio se fosse costituito dal piatto a base di carboidrato condito ed eventualmente seguito da verdure.

La cena invece meglio se costituita dalla portata con proteine, accompagnata sempre da verdure cotte o crude.

Ma all'occorrenza si può invertire.

L'importante è che non si mangi sia a pranzo che a cena solo carboidrati o solo proteine.

Chi fosse affetto da scompensi glicemici e stesse assumendo medicinali ipoglicemizzanti non può seguire questo regime alimentare salvo parere e controllo del medico curante.

Quanto esposto è la base del regime alimentare dissociato.

Il prossimo articolo completerà l'argomento trattato con ulteriori suggerimenti che vi aiuteranno a raggiungere l'obiettivo che vi siete prefissato, quello di ottenere una forma migliore di quella attuale.

Buona tisana a tutti ;)

P.s: Le informazioni contenute in questo articolo non devono in alcun modo sostituire il rapporto tra pazienti e personale medico specializzato; si raccomanda al contrario di chiedere il parere del proprio medico prima di mettere in pratica qualsiasi consiglio o indicazione riportata.


Prodotti consigliati

  

bardana composta
Tisana Bardana Composta
Tarassaco composto
Tarassaco composto
Dietokal Drenopur
Dietokal DrenoPur